La prima notte di luglio

In queste notti però a Vira nel buio si nasconde la scoperta, la sorpresa.
Attraversando i passaggi all’interno del paese al buio, si procede lentamente, con un po’ di timore legato all’insicurezza dell’oscurità e poi, anche sapendo di stare per incontrare una scultura, si resta sorpresi.

Sotto le luci notturne, le sculture sembrano rivelare nuovi volti che di giorno non si riescono a cogliere.
E così, come bambini emozionati, si prosegue per le strecce, cercando la prossima scultura, immersi in un mondo particolare, diverso e un po’ sognante dal quale solo il rumore delle persone insonni che combattono il caldo passeggiando alla ricerca di una corrente fresca rigenerativa, o che decidono per un bagno di mezzanotte, sono in grado di riportare il visitatore alla realtà.

Un’esperienza quantomeno affascinante la visita dell’esposizione G’15 durante la notte.

Da non perdere.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *